Lo storico barbiere “Il Nuovo Mondo” rinnova i propri spazi con un’immagine del tutto innovativa

“Il Nuovo Mondo” è il progetto innovativo di Giuseppe Del Vecchio e di Habitat Design studiato con l’obbiettivo di far vivere una esperienza dei clienti all’interno del salone.

Secondo la filosofia di Habitat Design, il salone non è più da vedere come un luogo di lavoro, ma come uno spazio di interazione ed esperienza di benessere. Ogni progetto è unico e studiato su misura per ogni salone, con il fine di interpretare al meglio stile e personalità, esaltare al massimo la professionalità di ogni acconciatore e rendere unico il rapporto con il cliente.

Il classico barbiere Il Nuovo Mondo è stato reinventato attraverso uno stile e un percorso che accompagna il cliente dalla decisione di entrare fino al momento in cui esce soddisfatto.

I PUNTI PRINCIPALI STUDIATI SONO:

  • La Vetrina, il primo approccio che crea desiderio e interesse
  • L’Accoglienza: stile e design in cui la cliente si sente al centro dell’attenzione
  • Postazioni Taglio: postazioni specifiche dedicate al taglio dove l’uomo sente di essere nelle mani di un professionista
  • Postazioni Barba: postazioni specifiche dedicate ai servizi barba, dove ogni gesto diventa un rituale che evoca tradizione e maestria
  • Area Rivendita: un’esposizione che guida l’acquisto e permette di entrare in contatto con i prodotti e avere le informazioni necessarie.
  • Il check out: momento di bilancio dell’esperienza.

La storia inizia dal 1968 con la creazione del primo salone fondato dal maestro Umberto. Dai lui Giuseppe impara il mestiere, si specializza e cresce professionalmente fino ad ereditare il salone e continuare la strada del suo maestro preservando il valore storico del locale, la sua tradizione e la metodologia di lavoro.

Il recente rinnovo racconta da un lato la storia di una tradizione che ha sempre puntato alla qualità e alla professionalità e dall’altro trasmette quell’idea di modernità che accoglierei chiunque entri nel salone di via Giovinazzi 91 a Taranto.

Rispondi

Required fields are marked*