Blog

Tendenze per l’arredamento e l’interior design 2020

In questo articolo scoprirete i consigli ed i suggerimenti sulla moda che avrà successo nella prossima stagione nel mondo dei parrucchieri: il 2020 sarà il trionfo dello stile industriale!

Questa linea di tendenza sarà sempre più utilizzata nei progetti da architetti ed interior designers e verrà consigliata a tutti coloro che avranno intenzione di rinnovare parrucchieri nel nuovo anno.

Ma partiamo dalle origini.

L’arredamento industriale nasce negli anni Cinquanta a New York a seguito del recupero e il riuso di spazi dismessi che in precedenza erano utilizzati per ospitare uffici, industrie, centri direzionali.

Nel corso di tutta la seconda metà del ‘900, migliaia di vecchi depositi e magazzini sono stati recuperati e utilizzati come abitazioni.
Lo stile industriale pian piano si afferma nelle metropoli per poi conquistare anche le più piccole realtà locali.
Fino a diventare oggi una vera e propria tendenza soprattutto come stile utilizzato nelle attività commerciali e abitazioni.

Caratteristiche del locale

Per realizzare un negozio da parrucchiere in stile industriale, il primo passo è creare un ambiente open space in quanto gli ambienti ampi ed ariosi, con poche tramezzature, imitano alla perfezione i veri loft industriali americani.

È sempre consigliato scegliere locali con vetrine molto ampie per conferire luminosità e ariosità agli ambienti di lavoro.
Per ottenere un’immagine perfetta dello stile industriale bisogna optare per un design minimal dalle linee geometriche, essenziali e nette.

La progettazione degli spazi

Un ambiente industriale è uno spazio aperto nel quale, data l’assenza di muri divisori interni, presenta la struttura portante a vista: spesso essa è costituita da pilastri in cemento armato o da colonnine in ghisa.

Anche le pareti perimetrali sono lasciate grezze, con intonaci chiari sui toni del bianco, panna, tortora o con mattoni a vista di recupero.

Un vero spazio industriale presenta quasi sempre una parete con mattoncini grezzi o rifiniti con una mano di pittura.

Per conferire al locale lo stile industriale per eccellenza c’è bisogno che condotte e tubi non siano nascosti ma ben in vista.

I pavimenti sono realizzati con una resina industriale o in cemento lucidato, così da non avere fughe e donare una ulteriore sensazione di continuità.

L’arredamento

Legno e ferro rappresentano un mix vincente, per due buone ragioni.

Il legno naturale riesce sempre ad essere sulla cresta dell’onda a livello globale, affermandosi per la semplicità ed il calore unico che l’elemento naturale sa trasmettere.

É un materiale in grado di essere versatile, grazie alle venature, le sfumature di colori e le imperfezioni, che rendono gli arredi  unici e mai banali.
A fare da contrasto al legno troveremo il ferro verniciato che verrà reinterpretato in chiave moderna.
Un materiale che rappresenterà la scelta alternativa all’ormai vecchio stile “moderno”.

Il vero elemento distintivo è l’utilizzo di questi materiali nell’arredo: con pochi elementi, infatti, si dovrà creare un ambiente funzionale, facile da pulire, sempre ordinato e allo stesso tempo integrato con il resto dello spazio.

I mobili, infatti, devono mostrare tutte le caratteristiche “industriali”:

Specchi da lavoro molto alti, dalle linee pulite e squadrate con cornici sottili in ferro nero verniciato.
L’unico accessorio concesso alla struttura essenziale dello specchio è un sottilissimo poggia phon.

Espositori spogliati di ogni elemento decorativo anch’essi realizzati in ferro nero verniciato.

Poltrone da lavoro in ferro con braccioli in legno così come banco cassa e carrelli.

– Sistema d’illuminazione tipico industriale con grosse lampade sospese.

Con questi pochi e semplici elementi avrete un parrucchiere dal design unico e particolare, in pieno stile industriale.

Che ne pensi dello stile industriale applicato al settore dei parrucchieri? Lo sceglieresti per il tuo nuovo locale?

Sei interessato allo stile Industrial?

Compila i campi e richiedi la brochure dell’intera linea e l’offerta riservata ai clienti di Habitat Design Italia

“Il concept di questa linea d’arredo si ispira al vibrante mood newyorkese, che risponde alle esigenze della nostra epoca post-industriale, dove il riuso delle aree dismesse diventa di tendenza.
Dai magazzini industriali di Brooklyn ai loft più modaioli di Manhattan, questo stile veste e caratterizza gli spazi più cool.

Per questo la linea New York New York si rivolge ad una clientela alternativa, rock e mondana sempre alla ricerca di elementi distintivi che possano creare un’identità forte e decisa, un’anima estroversa e stravagante per rendere il proprio salone più autentico e comunicativo.”

*Campi richiesti

Lascia un tuo commento

Pierluigi Favia
Pierluigi Favia

Pierluigi Favia è il fondatore di Habitat Design e Sen Martin, due aziende di successo, che han rivoluzionato il modo di arredare i parrucchieri e le barberie in Italia. E', inoltre, titolare della Sen Martin Academy che si occupa di organizzare corsi di formazione ed eventi per barbieri su territorio nazionale. Tra gli eventi più importanti organizzati nel settore spiccano la "International Barber Convention" a Roma e l’ U.B.S. - United Barber Show il primo evento al mondo edicato ai barbieri organizzato in collaborazione con Cosmoprof - Bologna nel 2017, 2018 e 2019, che ha visto la partecipazione di più di 5.000 barbieri provenienti da tutto il mondo.
Ha scritto "Come arredare una barberia di successo"; a breve è prevista la pubblicazione del secondo libro dedicato al mondo dei parrucchieri.

Pierluigi Favia è un imprenditore seriale che applica nelle proprie aziende metodi, tecniche e strategie di marketing avanzato.

Commenti

  1. […] e sulle mode del 2020 nel settore retail e dell’arredamento per parrucchieri, confermano la rinascita dello stile industriale in chiave natural. Questa linea di tendenza sarà sempre più utilizzata nei progetti da architetti […]

Rispondi

I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.