Blog

10 consigli sulle le tendenze dell’arredamento per parrucchieri nel 2020

Se hai in mente di rinnovare il tuo negozio o stai iniziando a cercare di capire quale sia il tuo stile preferito, leggi questa mini guida con i miei 10 consigli sulle le tendenze dell’arredamento per parrucchieri nel 2020.

Il design e le tendenze nel settore dell’arredo per parrucchieri sono sempre in lenta ma continua evoluzione.

Nonostante ci siano molte idee in giro per il web e riviste di ogni genere su questi argomenti, tanti parrucchieri sembrano scegliere sempre di realizzare negozi tutti uguali tra loro.

Prova ad entrare in un negozio da parrucchiere e poi in un altro e poi in un altro ancora e avrai come la sensazione che sono più o meno tutti simili tra loro.

Ma perché sempre più spesso accade questo?

Perché ci sono 3 o 4 aziende di arredi per parrucchieri che dettano da sempre regole di stile e che realizzano arredi standard tutti uguali, sempre identici tra loro?

Oppure perché ci sono rappresentanti di prodotti che pur di ricavarci una misera provvigione, consigliano al parrucchiere di acquistare un arredo standard da catalogo di qualcuna di queste aziende?

Oppure ancora forse perché si è sempre fatto così e quindi si pensa che sia giusto continuare a fare così?

Posso garantirti che questo comportamento è davvero dannoso.

I negozi così arredati rischiano di non avere una propria identità, un proprio stile, una propria immagine.

Un negozio ben progettato, al giorno d’oggi, deve essere sempre più personalizzato e unico, sempre più funzionale e soprattutto dall’elevato gusto estetico e dal grande impatto visivo.

Dietro un classico taglio di capelli c’è molto ma molto di più rispetto alla  bravura tecnica. Il servizio offerto all’interno del negozio deve diventare un momento di piacere condiviso tra titolare, collaboratori e clienti qualora l’ambiente di lavoro sia flessibile, ben organizzato, comodo, ordinato, confortevole, accogliente e con un un’immagine unica e differente.

Proprio per questo motivo, ecco a te i miei 10 consigli sulle novità di design per il 2020 che potrai utilizzare per differenziarti dal resto dei tuoi concorrenti.

 

1. Piani di lavoro chiamati Top

Fonte Web: Sakurami

Un’idea di recente sviluppo riguarda l’utilizzo di materiali particolari per i piani di lavoro delle postazioni Styling, del color bar e dei mobili retrolavaggio.

Che siano postazioni Styling con mensoloni unici a muro o isole color bar, il materiale che sceglierai di utilizzare per il top ti consiglio di farlo proseguire anche lungo i fianchi laterali per un look pulito e minimal.

Il risultato sarà davvero spettacolare.

Molto in voga sono i piani top ceramici in effetto marmo o quarzo che rendono la postazione Styling o Coloring comoda, funzionale, facile da pulire, che non si logora nel tempo o sotto azione degli agenti chimici dei prodotti utilizzati. Allo stesso tempo, l’utilizzo di questi materiali creano un’immagine e un effetto statuario e molto elegante.

 

2. Tutto a vista ma in ordine

Fonte Web: oneblowdrybar (Herald Square Blow Dry Bar)

Un trend che piace molto ai miei clienti è l’utilizzo del color bar al posto del vecchio tavolo tecnico.

Il color bar è un elemento d’arredo che verrà utilizzato per consulenza, preparazione colore e applicazione.

Questo vero e proprio “centro di lavoro” deve essere progettato e studiato in modo talmente perfetto, comodo e funzionale perché il parrucchiere dovrà avere tutto il materiale utilizzato per il servizio “a vista”, tutto a portata di mano e, per questa ragione, allo stesso tempo, deve essere tutto in ordine.

Anche in questo caso si useranno piani top ceramici con effetto marmo o quarzo senza tagli né giunture tra le parti, in modo da creare un aspetto raffinato, curato e durevole.

 

3. La nascita dell’anti mobile

Fonte Web Web: Aldo Coppola Brian & Barry

Tendenza inversa è quella di far “sparire visivamente” ogni mobile di servizio.

Se lo desideriamo “eliminiamo” il mobile guardaroba,  “eliminiamo” il mobile retro color bar, creando ante che nascondano e coprono il tutto. Possiamo anche  “Eliminare”  il mobile retro lavaggio, creando ante in modo da nascondere tutto lasciando a vista solo il piano per la preparazione colore con il lavello.

Potrebbe apparirti strano ma i mobili a scomparsa sono una realtà che piace a molti parrucchieri, soprattutto a quelli maniaci dell’ordine.

4. Nuovi materiali per il 2020

Un materiale che ha già preso piede nel 2019 è sicuramente il cemento e tutti gli effetti similari.

Fonte: Habitat Design

Questo materiale diventa sempre più un’icona di stile, grazie al suo aspetto evergreen che si adatta a tutti i look stilistici.

Il Cemento abbinato al legno risulta senza dubbio un’accoppiata vincente.

Non è un approccio nuovissimo nel mondo del design, tuttavia nei parrucchieri prende sempre più piede in questo nuovo anno.

È molto utilizzato per ambienti in stile urban e industriali ma l’uso del cemento si sta estendendo anche in ambienti dallo stile contemporaneo e classico-contemporaneo.

Fonte: Habitat Design

Vediamo anche il trionfo dei metalli o degli “effetti metallo”.

Si utilizzano molto su mobili disegnati “su misura” e si utilizzano principalmente per piani, ante, mensole e accessori.

Questo effetto esalterà la matericità delle sensazioni tattili oltre che il senso estetico dell’arredo.

 

5. Mobili sospesi

Un’altra tendenza che riguarda le postazioni Styling o Coloring è quella di realizzarle con elementi sospesi, ovvero che non poggiano a terra.

Rappresentano un’idea di design minimal, essenziale ma si realizzano soprattutto per facilitare la pulizia dello spazio di lavoro, eliminando il deposito di capelli con il semplice passaggio di una scopa.

 

6. Via le maniglie dall’arredo

Gli arredi e i mobili per parrucchieri del 2020 vedranno l’estinzione progressiva delle maniglie.

Ci si focalizza su nuovi sistemi di apertura, leggeri, dinamici, con ferramenta di alta qualità.

Gli arredi per parrucchieri di livello più alto e curato hanno fatto delle geometrie pure e delle linee essenziali il loro cavallo di battaglia, un must di stile.

Niente fronzoli o elementi non necessari, solo forme destinate a durare nel tempo.

Fonte Web Web: Interlook Design – Kapsalon inrichting

7. Via anche le alzatine

Niente più alzatine paraschizzi orizzontali; mai più la solita fascia che percorre tutto il top viene eliminata.

I mobili retro lavaggio, color bar o qualsiasi mobile che abbia un lavello non avrà più l’alzatina paraschizzi orizzontale ma consiglio vivamente l’utilizzo di lastre di grés che ormai hanno proporzioni di grande formato e vengono utilizzate proprio per minimizzare le fughe, garantire la pulizia e l’igiene dei rivestimenti.

 

8. I dettagli che fanno la differenza

Qual è la differenza tra un arredo per parrucchieri  economico e uno top?

La qualità del dettaglio, i materiali utilizzati, la ferramenta, la resistenza e l’impatto visivo del progetto complessivo.

Meccanismi di apertura e chiusura o organizzazione cassetti studiati al centimetro, lavelli ritagliati nei piani lavoro, con una profondità maggiorata per inserire le coppette sporche che non si riesce a lavare immediatamente.

Tutto è studiato per garantire il maggior comfort e le più alte prestazioni funzionali possibili.

 

9. Nuovi colori per il 2020

Oltre ai soliti colori neutri quali bianco, fango, tortora e panna finalmente si iniziano ad usare anche i colori scuri. Pareti e soffitti scuri diventano protagonisti di zone più riservate come quelle dedicate ai lavaggi.

Tra questi, il grigio-blu, il verde salvia e a sorpresa scopriamo che iniziano nuovamente a piacere i colori pastello.

Questi sono sicuramente colori utilizzabili senza alcun tipo di problema.

 

10. Basta laccati lucidi e opachi

Più che i laccati, il materico sarà la tendenza prevalente nel 2020.

Quindi dai mobili laccati bianchi o neri degli scorsi anni, si passerà ad utilizzare materiali di maggiore personalità.

Legni grezzi, cemento, metalli e marmi sono i più scelti dai designer di maggior importanza al momento.

Con questa semplice guida ti ho voluto fornire una serie di spunti utili per avere le idee chiare su come iniziare ad arredare il tuo salone da parrucchiere, differenziandoti da tutto ciò che di tremendamente uguale e banale c’è lì fuori.

Abbiamo visto in breve quali sono gli elementi principali che non puoi permetterti di trascurare per valorizzare il tuo parrucchiere e renderlo unico e differente.

 

Stai pensando di rinnovare il tuo negozio di parrucchiere?

Desideri ricevere una consulenza gratuita per studiare un progetto disegnato in ESCLUSIVA per te?
Desideri ricevere un preventivo personalizzato?

Chiama il numero qui sotto e prenota ora la tua consulenza!

 

Condividi l'articolo sui Social!

Lascia un tuo commento

Pierluigi Favia
Pierluigi Favia

Pierluigi Favia è il fondatore di Habitat Design e Sen Martin, due aziende di successo, che han rivoluzionato il modo di arredare i parrucchieri e le barberie in Italia. E', inoltre, titolare della Sen Martin Academy che si occupa di organizzare corsi di formazione ed eventi per barbieri su territorio nazionale. Tra gli eventi più importanti organizzati nel settore spiccano la "International Barber Convention" a Roma e l’ U.B.S. - United Barber Show il primo evento al mondo edicato ai barbieri organizzato in collaborazione con Cosmoprof - Bologna nel 2017, 2018 e 2019, che ha visto la partecipazione di più di 5.000 barbieri provenienti da tutto il mondo.
Ha scritto "Come arredare una barberia di successo"; a breve è prevista la pubblicazione del secondo libro dedicato al mondo dei parrucchieri.

Pierluigi Favia è un imprenditore seriale che applica nelle proprie aziende metodi, tecniche e strategie di marketing avanzato.

Rispondi

I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.