Blog

Cassa per salone di parrucchiere: come sfruttarla al meglio

Tra tutti gli elementi di un salone di parrucchiere, la cassa è quello cui si pensa di meno. L’oggetto in sé è solo uno strumento fiscale, che c’entra poco con la natura artistica e artigianale del lavoro di parrucchiere. Quanto al banco, spesso lo si considera uno dei mobili meno importanti nel salone, specie rispetto a quelli della zona taglio.

Nonostante sia tanto bistrattata, la cassa per un salone di parrucchiere è un elemento essenziale. Lo strumento cassa ti può aiutare a comprendere l’andamento dell’attività, dandoti un ritratto in tempo reale di clienti e prestazioni erogate. Il banco è invece il biglietto da visita della tua attività, nonché il luogo in cui puoi massimizzare le vendite.

Com’è cambiato il registratore di cassa per i parrucchieri

Dal 1° gennaio 2020, tutte le imprese che operano sul territorio italiano si sono dovute munire di registratore telematico. Per le imprese che nel 2018 hanno fatturato più di 400 mila euro, l’obbligo è scattato addirittura il 1° luglio 2019. Se quindi possiedi già il tuo salone di parrucchiere, conosci già i famigerati scontrini digitali. Se invece sei ancora in fase di progettazione, imparerai a conoscerli.

C’è una cosa in particolare che distingue la nuova cassa da quella vecchia: la connessione a internet. Ogni volta che un cliente ti paga, la macchina registra la cifra ricevuta ed emette uno scontrino. A fine giornata, quando chiudi la cassa, raccoglie tutti i dati, vi pone una firma digitale in calce e li trasmette all’Agenzia delle Entrate. Il tutto avviene in modo quasi del tutto automatico, specie dopo qualche giorno di pratica.

I modelli base di registratore fanno quanto detto sopra e basta. Da un punto di vista fiscale, non ti serve altro. Se però vuoi gestire il tuo negozio in modo efficiente ed efficace, ti conviene cercare qualcosa di più avanzato. Una cassa per salone di parrucchiere all’avanguardia è integrata col gestionale. In questo modo non ti limiti a emettere gli scontrini elettronici, ma monitori l’andamento della tua attività.

Ritratto di una zona cassa ideale

Che, a voler essere del tutto sincero, non esiste. O meglio, non esiste UNA zona cassa ideale. Piuttosto, ci sono tanti tipi di zona cassa quanti sono i saloni di parrucchiere. Ciascuna attività dovrebbe avere un bancone – e non solo quello – personalizzato, che rispecchi la personalità di un brand unico.

Considera inoltre che il bancone si deve adattare alle dimensioni e alla forma dell’ambiente: il mobile usato dal tuo competitor potrebbe essere troppo grande/piccolo/stretto per il tuo salone.

Fatte le dovute precisazioni, un buon banco cassa di un negozio di parrucchiere ha delle caratteristiche fondamentali.

  1. Design curato, anzi, ultra curato. Spesso e volentieri la zona cassa fa anche da reception e, di conseguenza, si trova proprio di fronte all’entrata. Quel bancone è la prima cosa che un cliente vede, è il tuo biglietto da visita. Non fare l’errore che fanno in tanti, ovvero scegliere un banco bianco anonimo, buono solo per poggiare le carte.
  2. Funzionalità. A seconda dello spazio a tua disposizione, la zona cassa sarà più grande o più piccola. In ogni caso, dovrà essere in grado di ospitare il registratore di cassa, il PC, i biglietti da visita. In che modo? Dipenderà dalle tue esigenze specifiche. Questo è un ulteriore motivo per scegliere un arredamento personalizzato, progettato appositamente per te.
  3. Buona illuminazione. Ho dedicato non uno, ma due articoli all’illuminazione del negozio di parrucchiere. Nel primo parlo anche dell’importanza di illuminare la zona cassa e reception in modo corretto.

Il cuore dell’upselling è qui

La quarta caratteristica merita un paragrafo a sé. La zona della cassa è non solo il tuo biglietto da visita, ma anche il punto in cui saluti chi viene a trovarti. Al momento del pagamento, il tuo cliente dovrebbe essere di buon umore e soddisfatto, ancora galvanizzato dalla bella esperienza nel tuo salone. Questo è il momento giusto per vendergli qualcos’altro.

Se è andato tutto bene, il tuo cliente – il tuo ospite, potremmo dire – non avrà per niente voglia di tornare nel mondo reale. In fondo si sta così bene nel tuo salone! Farà quindi di tutto per aggrapparsi alla bella esperienza che gli hai fatto vivere, sarà felice di portarsene un pezzo a casa. Gli espositori sulla cassa o accanto alla cassa servono a questo.

Una zona cassa progettata nel modo giusto attira l’attenzione su una serie di prodotti acquistabili a parte, concepiti per estendere l’esperienza anche a casa propria. Lascia loro lo spazio necessario per farsi notare, li illumina e li valorizza. Se l’area è stata progettata a dovere, quanto meno.

Le soluzioni standardizzate sono un rischio anche per l’upselling. Una zona cassa inadatta ai tuoi spazi, che non riesce a integrarsi nell’ambiente, renderà molto più difficile valorizzare la tua offerta. Di conseguenza, anche chiudere le vendite sarà più difficile.

Quando inizi ad arredare o a rinnovare il tuo salone, scegliere un bancone e una cassa economici potrebbe sembrarti una buona idea. Ti invito però a riflettere su tutto quello che rischi di perdere. Gli arredi standard spesso costano poco, è vero; ti fanno anche guadagnare poco, però.

Rifletti su tutti i possibili clienti che tireranno avanti, senza nemmeno un vago ricordo della tua reception. Rifletti su tutti coloro che non vedranno i prodotti acquistabili presso il tuo negozio.

Sei sicuro che un arredamento non personalizzato ti faccia risparmiare?

Stai pensando di rinnovare il tuo negozio di parrucchiere?

Desideri ricevere una consulenza gratuita per studiare un progetto disegnato in ESCLUSIVA per te?
Desideri ricevere un preventivo personalizzato?

Chiama il numero qui sotto e prenota ora la tua consulenza!

 

Condividi l'articolo sui Social!

Lascia un tuo commento

Pierluigi Favia
Pierluigi Favia

Pierluigi Favia è il fondatore di Habitat Design e Sen Martin, due aziende di successo, che han rivoluzionato il modo di arredare i parrucchieri e le barberie in Italia. E', inoltre, titolare della Sen Martin Academy che si occupa di organizzare corsi di formazione ed eventi per barbieri su territorio nazionale. Tra gli eventi più importanti organizzati nel settore spiccano la "International Barber Convention" a Roma e l’ U.B.S. - United Barber Show il primo evento al mondo edicato ai barbieri organizzato in collaborazione con Cosmoprof - Bologna nel 2017, 2018 e 2019, che ha visto la partecipazione di più di 5.000 barbieri provenienti da tutto il mondo.
Ha scritto "Come arredare una barberia di successo"; a breve è prevista la pubblicazione del secondo libro dedicato al mondo dei parrucchieri.

Pierluigi Favia è un imprenditore seriale che applica nelle proprie aziende metodi, tecniche e strategie di marketing avanzato.

Rispondi

I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.