Blog

Arreda il salone in perfetto stile newyorkese!

New York è la capitale del design contemporaneo, il punto di riferimento per chiunque voglia rimanere al passo con le ultime tendenze. Questo vale per l’abbigliamento, per l’architettura e anche per il design di interni. Grazie allo stile newyorkese, puoi trasformare un’area dismessa in un salone di tendenza, che farebbe invidia ai locali più modaioli di Manhattan.

In che modo?

Fonte: Hairroin Salon – 1333 Broadway New York

Dai nuova vita a spazi industriali e magazzini

Il mood newyorkese affonda le radici nell’esigenza di riutilizzare aree industriali dismesse. In epoca post-industriale, magazzini rimasti vuoti e vecchie fabbriche in rovina si moltiplicano. Questi grandi scheletri vuoti riempiono la città e nessuno sa bene cosa farci, finché qualcuno non inizia a usarli per realizzare abitazioni o locali alternativi.

Se desideri arredare un salone in stile newyorkese, l’ideale sarebbe partire da uno spazio industriale, proprio come i locali originali. Non sempre è possibile o economicamente conveniente, ma puoi cercare locali che abbiano caratteristiche simili.

  1. Ampi spazi aperti, senza muri divisori interni. I saloni in stile newyorkese sono tipicamente grandi open space, con poche tramezzature a interrompere lo sguardo.
  2. Soffitti alti e ben sopra i 270 cm canonici di un appartamento, in linea con i grandi spazi visti sopra.
  3. Grandi vetrate, che fanno entrare abbondante luce naturale.

Il tuo salone non ha queste caratteristiche? Non ti preoccupare: basterà usare l’arredo giusto, per ottenere un design degno della Grande Mela.

Fonte: Hairroin Salon – 1333 Broadway New York

Le pareti e i soffitti rimangono grezzi

Le pareti perimetrali degli open space newyorkesi sono costituite tipicamente da muri in cemento grezzo, non intonacato o intonacato su toni nel bianco. Sono frequenti anche le pareti con mattoncini a vista, rifinite al più con una mano di pittura.

Come già accennato nell’articolo su come colorare le pareti del negozio di parrucchiere, le possibili scelte sono davvero tante. Valuta la migliore per te, anche in base alle dimensioni del locale. L’importante è mantenere lo spirito dell’ambiente industriale un po’ grezzo, che richiami i magazzini abbandonati di New York.

In questi contesti, sono frequenti anche le condotte e i tubi scoperti, sia sulle pareti sia sul soffitto. Nello stile newyorkese più puro, quest’ultimo presenta delle belle travi a vista. I pavimenti del salone, invece, sono in resina industriale o in cemento lucidato; oltre che essere in linea con lo stile di design, sono anche comodi da lavare.

Fonte: salon international mitte – berlin

Ferro e legno diventano protagonisti

Entrando nel vivo dell’arredamento vero e proprio, lo stile newyorkese si distingue per una forte componente materica. Ferro e legno sono i due materiali protagonisti, in quanto versatili e a basso impatto ambientale. Entrambi sono semplici ma eleganti, con una vasta gamma di possibili texture e imperfezioni, che cambiano da un pezzo d’arredo all’altro. Inoltre, il contrasto tra il calore del legno e la relativa freddezza del ferro è molto apprezzato.

I due materiali sono non solo potenti sul piano estetico, ma anche funzionali: i mobili newyorkesi sono facili da pulire e privi di fronzoli, essenziali.

L’essenzialità emerge anche nella quantità di mobili, oltre che nelle loro linee. Il tipico salone in stile newyorkese ha pochi elementi, in modo da non affollare l’open space. In questo modo esalti l’ariosità dell’ambiente e impieghi meno tempo a pulire.

Fonte: New York hair salon Hawthorne Studio is designed for social distancing

Specchi e luce naturale sono centrali

Come detto sopra, le grandi vetrate che arrivano al soffitto sono un elemento tipico del design di interni newyorkese. Può darsi però che il tuo salone non abbia queste vetrine enormi, che fanno entrare tanta luce naturale. In questi casi, ti consiglio di sfruttare tanto gli specchi.

Ne ho parlato nell’articolo sugli specchi per parrucchiere: gli specchi grandi riflettono la luce e ampliano la percezione dello spazio, il che torna utile se il tuo salone è piccolo o un po’ troppo buio. Oltre a questo, gli specchi alti e con la cornice sottile sono anche un elemento estremamente presente nei saloni in stile newyorkese, al di là delle dimensioni del locale.

Per quanto riguarda la luce artificiale, invece, ti consiglio di sfruttare le grosse lampade sospese tipiche dell’illuminazione industriale.

Fai spazio per una zona bar

Infine, alcuni parrucchieri newyorkesi hanno trasformato la loro sala d’attesa in un vero e proprio bar. Anche senza spingerti a organizzare aperitivi in salone, cura con attenzione il design di quest’area, così da renderla un piccolo salotto.

A seconda dello spazio a tua disposizione, sistema poltrone e tavolini affinché i tuoi ospiti possano gustare una tazza di caffè durante l’attesa. Alcune realtà mettono a disposizione anche un carrellino con tisane, biscottini e dolcetti.

Non sai come organizzare lo spazio o come ottenere un design degno della Grande Mela? Contattami per ottenere una prima consulenza gratuita: Habitat Design è pronta per trasformare il tuo salone in un angolo di New York, unico e inimitabile.

Stai pensando di rinnovare il tuo negozio di parrucchiere?

Desideri ricevere una consulenza gratuita per studiare un progetto disegnato in ESCLUSIVA per te?
Desideri ricevere un preventivo personalizzato?

Chiama il numero qui sotto e prenota ora la tua consulenza!

Condividi l'articolo sui Social!

Lascia un tuo commento

Pierluigi Favia
Pierluigi Favia

Pierluigi Favia è il fondatore di Habitat Design e Sen Martin, due aziende di successo, che han rivoluzionato il modo di arredare i parrucchieri e le barberie in Italia. E', inoltre, titolare della Sen Martin Academy che si occupa di organizzare corsi di formazione ed eventi per barbieri su territorio nazionale. Tra gli eventi più importanti organizzati nel settore spiccano la "International Barber Convention" a Roma e l’ U.B.S. - United Barber Show il primo evento al mondo edicato ai barbieri organizzato in collaborazione con Cosmoprof - Bologna nel 2017, 2018 e 2019, che ha visto la partecipazione di più di 5.000 barbieri provenienti da tutto il mondo.
Ha scritto "Come arredare una barberia di successo"; a breve è prevista la pubblicazione del secondo libro dedicato al mondo dei parrucchieri.

Pierluigi Favia è un imprenditore seriale che applica nelle proprie aziende metodi, tecniche e strategie di marketing avanzato.

Rispondi

I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.